Come comprare

Scegliere

Ogni collezionista potrà esaminare le opere e/o gli oggetti posti in vendita dal nostro sito internet, nel quale verranno periodicamente pubblicati i cataloghi delle nostre aste. Sul sito si potrà esaminare l’opera in ogni suo dettaglio (recto/verso/firma) oltre a una foto che simulerà l’esposizione della stessa su una parete, per evidenziarne le dimensioni reali. Ciascun cliente è invitato a contattare i nostri uffici per chiedere maggiori informazioni riguardo ai lotti di interesse e/o per richiedere un “condition report” delle stesse, o per chiedere l’invio di ulteriore materiale fotografico riguardo a ciascun lotto. La visione dal vero dei lotti è sempre consigliata, e per agevolarla nel miglior modo possibile abbiamo scelto di garantire la visibilità dei lotti di ciascuna asta a partire dal giorno della pubblicazione del catalogo sul sito, prevista circa un mese prima di ciascuna vendita. Per garantire la massima riservatezza nella visione e nell’esame dei lotti da parte di ciascun cliente, abbiamo riservato la visione degli stessi in esclusiva e su appuntamento

Le stime in catalogo

Un tempo non sarebbe stato necessario soffermarsi su tale argomento, ma oggi forse è utile fornire alcuni ragguagli che chiariscano il modo in cui saranno da intendere i prezzi di stima indicati nei nostri cataloghi. Essi saranno una derivazione del “prezzo di riserva” a cui le opere sono state affidate; ad esempio una stima in catalogo di € 10.000/12.000 fornirà al collezionista potenzialmente interessato l’informazione che il prezzo per aggiudicarsi l’opera – in assenza ovviamente di altre offerte reali registrate in sala – sarà in linea con la stima minima. Esso potrà essere, a seconda delle circostanze, coincidente con la stima minima, ovvero di poco inferiore o superiore ad essa – al fine di preservare l’aspetto di segretezza cui il prezzo di riserva deve tradizionalmente ottemperare. Questa precisazione ci sembra doverosa per non “tradire” il potenziale interesse di collezionisti che, invitati da una stima molto bassa in catalogo, ritengono giustamente di poter acquistare la relativa opera ad un prezzo conveniente. Se in tal caso il prezzo di riserva fosse più elevato, si produrrebbe da un lato una competizione fittizia, e dall’altro si rischierebbe di perdere la fiducia del collezionista, che vedrebbe inutilmente pregiudicate le sue intenzioni di concorrere all’aggiudicazione dell’opera prescelta. Selezionare opere al giusto prezzo per una casa d’aste non è semplice: se i clienti sono collezionisti che hanno fatto degli sforzi – non solo economici – per costituire la loro raccolta, è comprensibile che non vogliano veder sottostimata la loro collezione o parte di essa. La definizione del prezzo di riserva è da sempre – e giustamente – oggetto di negoziazione con il cliente, pertanto fissare un valore che tenga debitamente conto delle ragioni del collezionista mandante, ma che al tempo stesso non scoraggi l’interesse del mercato è un compito delicato. La nostra intenzione, qualsiasi siano i risultati di tali attività, è di fornire al mercato un’informazione trasparente, in modo da preservare il corretto svolgimento delle vendite all’asta da un lato, e di ingenerare un rapporto con la clientela basato sulla fiducia.

Partecipare

La partecipazione alle nostre vendite potrà avvenire attraverso diverse modalità. In primo luogo mediante la partecipazione in sala. Vi consigliamo di arrivare circa mezz’ora prima della vendita per registrarvi al desk e ottenere il vostro numero di sala, attraverso il quale potrete concorrere all’aggiudicazione di ciascun lotto per alzata di mano. Qualora la partecipazione in sala non sia possibile, vi è la possibilità di partecipare alla vendita mediante collegamento telefonico. Se sceglierete questa possibilità vi chiediamo gentilmente di inviare una mail entro le ore 13,00 del giorno dell’asta, allegando il modulo (compilato, firmato e corredato di una scansione di un vostro documento di identità) che troverete in ciascun catalogo cartaceo e sul nostro sito internet. In questo modo riusciremo a registrare la vostra partecipazione e a contattarvi telefonicamente in corrispondenza del lotto di vostro interesse. Un’altra possibilità di partecipazione alla vendita è attraverso le piattaforme di bidding online – che verranno indicate di volta in volta su ciascun catalogo – dalle quali potrete effettuare offerte per ciascun lotto di vostro interesse. In caso di partecipazione online la procedura per autenticarsi sarà quella prevista da tali siti. Un altro modo di concorrere all’aggiudicazione dei lotti di vostro interesse è l’offerta scritta: in questo caso vi chiediamo gentilmente di compilare il modulo offerte che troverete sia sul catalogo cartaceo che sul nostro sito internet, e di inviarcelo firmato e corredato di una scansione di un documento di identità. In corrispondenza di ciascun lotto di vostro interesse potrete indicare la vostra offerta massima: ciò implica che il banditore offrirà per vostro conto durante l’asta fino al limite da voi stabilito. Ci teniamo a specificare che, anche nel caso abbiate offerto una cifra molto più alta rispetto alla stima in catalogo, il banditore aggiudicherà il lotto all’offerta immediatamente superiore rispetto a quella effettivamente registrata in sala.

Pagamenti

Al termine di ciascuna vendita il pagamento dei lotti dovrà avvenire entro dieci giorni dalla data dell’asta. Il pagamento dovrà avvenire preferibilmente tramite bonifico bancario i cui estremi saranno riportati sulle condizioni di vendita di ciascun catalogo. Il pagamento tramite assegno bancario e/o circolare dovrà essere concordato in anticipo con la direzione. Il pagamento in contanti potrà avvenire soltanto entro i limiti dell’attuale normativa antiriciclaggio, pertanto fino a 2.999,99 euro.

Ritiri

Dopo il pagamento dei lotti, gli stessi saranno a vostra disposizione per il ritiro. Vi chiediamo gentilmente di contattare i nostri uffici con un giorno di anticipo per agevolare la preparazione dei lotti e della documentazione ad essi afferente. Qualora non sia possibile effettuare il ritiro personalmente, saremo in grado di richiedere, per vostro conto, dei preventivi a trasportatori qualificati di opere d’arte. Il ritiro e il trasporto delle opere è a carico e sotto la responsabilità del cliente; noi vi aiuteremo nel ricercare la soluzione di trasporto più consona alle vostre esigenze. Per il trasporto delle opere oltre i confini del territorio nazionale, è previsto, come disposto dal Codice dei Beni Culturali, D.Lgs. 42/2004, l’ottenimento dell’Attestato di Libera Circolazione per ciascun lotto che abbia più di settant’anni dalla data della vendita. Per i lotti con meno di settant’anni è previsto invece l’ottenimento dell’Autocertificazione all’Esportazione di opere d’arte contemporanea. Sarà nostra premura coadiuvarvi nelle attività di richiesta e ottenimento di tali autorizzazioni obbligatorie da parte della legge all’uscita dei beni dal territorio nazionale.

Open chat
1
Come possiamo aiutarti?